mercoledì 31 ottobre 2012

Q. VIII. Tuscolano




Porta Furba




Superficie: 715,72 ha.

Confini attuali: porta S. Giovanni (esclusa), mura urbane, porta Maggiore (esclusa), piazzale Labicano, via Casilina, via di Centocelle, via dell’Aeroporto, via del Quadraro, via Appia Nuova, piazza C. Cantù, piazza dell’Alberone, piazza di Ponte Lungo, piazza dei Re di Roma, piazzale Appio, porta S. Giovanni (esclusa).
Origine del nome: il toponimo deriva dall’antica città di Tusculum (l’attuale Frascati) alla quale si giungeva per mezzo della via Tusculana, di origini medievali.

Storia: osservando il Tuscolano oggi, ad altissima densità di popolazione e speculazione edilizia, è interessante confrontare le descrizioni contenute nei libri degli anni ‘40, quando il quartiere si mostrava ancora rado di popolazione e di abitazioni. Si sognava di corredare la via Tuscolana di casette recinte da orti e da giardini, che avrebbero dovuto costituire la deliziosa catena che congiungeva l’Urbe ai suoi sobborghi naturali: i Castelli. Si auspicava la creazione di una zona salubre e ridente, importante economicamente e redditizia per il mercato romano, ricca di orti e di allevamenti familiari. Nel 1936 il Tuscolano arrivava appena a Porta Furba dove si trovavano poche costruzioni rurali in aperta campagna. Tuttavia, già nel 1942, abbandonato quel sapore soave di una zona rurale, le vigne cominciavano a piegarsi all’ondata delle aree costruibili, soprattutto nel primo tratto della Tuscolana. Già in quegli anni al quartiere Tuscolano si assegnava l’epiteto di “umile” in contrapposizione al “luminoso” dei Parioli, quasi in previsione di uno sviluppo disordinato che avrebbe poi caratterizzato gli anni successivi. A seguito dell’urbanizzazione della zona si sono create condizioni di invivibilità ed è aumentata l’insoddisfazione degli urbanisti per un tessuto edilizio compatto, un vero e proprio agglomerato con punte di altissima densità.



Palazzi della INA Case al Quadraro





Don Bosco


Oggi la ripetitività dei moduli delle facciate rende “disumani” i grandi assi viari, fiancheggiati dal monotono anonimato degli edifici, spersonalizzati e privi di elementi decorativi. Si tratta di una urbanistica casuale e frettolosa, basata sulla speculazione edilizia, con scarsi spazi liberi, poche aree previste per i servizi di quartiere e con aree verdi, a parte il grandissimo parco dell'acquedotto Claudio,  praticamente inesistenti.

4 commenti:

  1. Ciao Fabrizio, che tristezza leggere di questo quartiere. Mi ha incuriosito subito, perché alla tv guardavo la serie Distretto di Polizia che si svolgeva nel X tuscolano. Se ti va e hai tempo, mi racconti qualcosa di quel quartiere? Io intanto qua e là leggo i tuoi post passati. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non volevo essere troppo critico...il quartiere tuscolano è uno dei più grandi e soprattutto popolosi di Roma...è anche la zona commerciale più frequentata...il più delle volte i miei post sono un modo per ricordare le bellezze di un tempo troppo spesso spazzate via per dar spazio ai palazzinari di turno con i loro km2 di cemento armato...ci sarà modo più avanti di parlare del tuscolano con altre prospettive...è un invito a seguirmi sempre...ciaoooooo

      Elimina
  2. Io invece ho abitato al quartiere appio san giovanni, più verso san giovanni per 30 anni. E aspettavo che introducessi anche un post dedicato a lui. In effetti è tutto vero quello che hai scritto. Però, forse perché ci è legata la mia giovinezza, don bosco e cinecittà anche il mio amore... posso dire che ci si viveva veramente bene. Ognuno ha un suo quartiere nel cuore... Grazie per i tuoi post. Vedo che Arbanella ti segue volentieri... E in fondo una parte di lei ... è romana!!! Buon we!! Piano piano mi sto leggendo tutto il tuo blog!!!

    RispondiElimina
  3. hai letto il post "la festa delle streghe" a San Giovanni?

    http://quantoseibellaroma.blogspot.it/search/label/La%20notte%20delle%20Streghe%20a%20San%20Giovanni

    fammi sapere se ti è piaciuto....ciao ciao



    RispondiElimina

VECCHIA ROMA cantata dai "coreAcore"