martedì 24 maggio 2011

Rione XII - Ripa



Lo stemma è una bianca ruota di timone su sfondo rosso, a ricordare lo scalo fluviale presente nel rione. Superficie: mq 848.500.
Prende il nome dalla Ripa Grande, ossia la riva del Tevere dove sorgeva il porto principale di Roma. Un tempo il territorio del rione era molto più esteso, infatti comprendeva anche Testaccio e San Saba che successivamente diventarono anch'essi dei rioni. Oggi comunque ne fanno parte il colle Aventino e l'Isola Tiberina.



All'antica e suggestiva isola di Roma è legata una leggenda sulla sua nascita secondo la quale il popolo romano, scontento di Tarquino il Superbo, si ribellò e lo scacciò dalla città. Durante la rivolta furono saccheggiati i granai del re e diverse balle di grano furono gettate nel Tevere. A causa della secca queste non riuscirono a defluire e, impastondosi con il fango, formarono un baluardo sempre più compatto dando così origine all'isola.
Con gli sventramenti del Novecento la zona assunse un aspetto diverso, fu praticamente rasa al suolo tutta una parte medioevale fatta di casupole, chiesette, vicoli e botteghe artigiane. Oggi in questa zona c'è via Petroselli (un tempo via del Mare) dove risiede l'anagrafe di Roma.

Nessun commento:

Posta un commento

VECCHIA ROMA cantata dai "coreAcore"