mercoledì 4 maggio 2011

Rione VII - Regola


Lo stemma mostra un cervo d'oro in campo azzurro. Superficie: mq. 318.900.
Il nome deriva da "Arenula", ossia la rena fluviale che nei tempi passati si andava a depositare nei tratti di riva adiacenti l'Isola Tiberina. Di grande valore storico e artistico, troviamo qui  Palazzo Farnese sede dell'Ambasciata di Francia, Palazzo Spada deve si trova la "finta prospettiva" del Borromini, e il Monte della Pietà. Anche se in condominio con altri rioni, si trovano qui due strade molto famose a Roma: via Giulia e via Monserrato. Famosissimo c'è anche il Ponte Sisto, fatto restaurare da Papa Sisto IV, per agevolare il passaggio dei pellegrini in Vaticano (volgarmente detto dai romani "Palazzo"). Regola  fortunatamente conserva ancora un forte sapore popolare. Quale romano vero non ha mai gustato, almeno una volta,
i filitti di baccalà sfornati dalla simpatica ostaria di Largo dei Librari. La romanità qui si respira in ogni angolo, e si ascolta quel romanesco genuino arrivare dal vicino Campo de' Fiori, dove i carciofi diventano
li carciofoli, le pesche le persiche, le albicocche le briccocole, le ciliege le cerase, le melanzane li marignani.

Nessun commento:

Posta un commento

VECCHIA ROMA cantata dai "coreAcore"